Sequestri di cannabis 2017 - Secondo semestre

Nel secondo semestre del 2017 sono state effettuati 71 sequestri  di coltivazioni illegali di cannabis. Dal confronto con la seconda metà del 2017, si registra una crescita esponenziale del fenomeno con un numero di è piante confiscate pari a 24.671 unità, a fronte di 14.240 piante sequestrate nel periodo precedente. Sul piano della distribuzione territoriale del fenomeno non si registrano particolari novità: le aree di Olbia-Tempio e Nuoro sono quelle dove sono state sequestrate il maggior numero di piante. 

Rispetto allo stesso periodo del 2016*, si registra, in termini generali, una dispersione dei sequestri nell'arco del semestre, con una intensità leggermente maggiore nei mesi di settembre e ottobre. In via generale in questi mesi si sono verificati i ritrovamenti più significativi di coltivazioni in campo aperto. 

​Rispetto alle modalità di coltivazione si conferma quanto rilevato nel secondo semestre del 2016. Oltre il 57% dei sequestri hanno interessato coltivazioni installate nel terreno sia in terreni di proprietà sia in aree pubbliche. Il 25% dei sequestri, invece, continua a riguardare piantagioni in serre artificiali, spesso con impianti di irrigazione, illuminazione e ventilazione sofisticati.

​Il fenomeno delle coltivazioni illegale interessa in modo maggiore i contesti territoriali extraurbani. Va comunque segnalato che, coerentemente con le rilevazioni degli anni precedenti,  anche quando le sono collocate fuori dai centri abitati, le coltivazioni sono spesso a ridosso dell'abitato o comunque vicino alle vie di comunicazione.

Collocazione territoriale

* La stagionalità del fenomeno rende necessaria la comparazione col medesimo semestre dell'anno precedente.